Enrico Alletto

Enrico Alletto

Lavoro in una multinazionale delle telecomunicazioni. Negli anni ho progettato e coordinato diverse iniziative pro bono con associazioni e pubbliche amministrazioni municipali, comunali e regionali sui temi della cittadinanza e dell’inclusione digitale. Ho contribuito ai tavoli dell’open government forum su temi come partecipazione, open data e cittadinanza digitale. Da gennaio 2018 sono Formatore iscritto al Registro Internazionale IET. Credo nel lavoro di squadra e faccio il tifo per una scuola e una pubblica amministrazione più moderna e vicina ai cittadini! Non mi piacciono i toni aspri e le conversazioni online che non rispettano l’interlocutore.

Visualizza Profilo Completo →

un blog su cittadinanza digitale, tecnologia e network society

Il Galles ha inserito la sostenibilità tra i principi fondanti della sua Costituzione: la rete in Italia può aiutarci a trarre spunto dai buoni esempi?

carburanti-verdi-in-galles-benzina-bio-dall-erba

L’Italia è un paese strano, o almeno a volte non lo capisco. Si litiga sulla libera circolazione delle idee in rete senza che però esista una vera coscienza civile trasversale agli interessi “di bottega” che dialoghi sul web senza mandarsi a quel paese

A parte un comico (ex?), pochi politici e qualche professionista più o meno (dis-)interessato noi italiani non usiamo la rete per dialogare, scambiarci pareri, “cercarci” sul territorio, formare una coscienza collettiva di cui la politica non possa non tenere conto… tutto questo non lo facciamo… (quasi mai !!!)

Leggendo il Sole24ore qualche giorno fà ho scoperto che il Galles ha inserito la sostenibilità tra i principi fondanti della sua Costituzione e da anni promuove attivamente sia la ricerca nel settore che la realizzazione di impianti ad alta tecnologia

Mobilitarsi affinchè anche in Italia vengano presi provvedimenti di questo tipo partendo proprio dall’uso della rete come “veicolo” di informazione, aggregazione, condivisione e dialogo anche con le istituzioni non sarebbe un ottimo modo per esercitare civilmente la libertà di cui ancora godiamo in modo costruttivo e lontano dagli interessi di “bottega”?

Chiudo con il link all’articolo che ha suggerito lo spunto per questo post: Sviluppo sostenibile per legge

Enrico Alletto

Lavoro in una multinazionale delle telecomunicazioni. Negli anni ho progettato e coordinato diverse iniziative pro bono con associazioni e pubbliche amministrazioni municipali, comunali e regionali sui temi della cittadinanza e dell’inclusione digitale. Ho contribuito ai tavoli dell’open government italiano su temi come partecipazione, open data e cittadinanza digitale. Da gennaio 2018 sono Formatore iscritto al Registro Internazionale IET. Credo nel lavoro di squadra e faccio il tifo per una scuola e una pubblica amministrazione più moderna e vicina ai cittadini! Non mi piacciono i toni aspri e le conversazioni online che non rispettano l’interlocutore.

1 commento

  1. Simona

    4th Ott 2009 - 20:26

    Sono assolutamente d’accordo con te. Anzi, spesso si punta il dito solo sui difetti della rete (esistono anche quelli, certo) e non si fa lo sforzo di “viverla” diversamente. Eppure uno strumento non è “buono” o “cattivo”, “utile” o “inutile” di per sè: siamo noi a qualificarlo in un senso o nell’altro!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Network

Instagram

Something is wrong.
Instagram token error.

Archivio del blog

Segui il mio blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per rimanere aggiornati sui post che pubblico qui

×
Follow

Get the latest posts delivered to your mailbox: